Blog

18/08/2017

34 La riscoperta di un patrimonio culturale mondiale

Vicino al tocco e ancora lontano!

l numero di organisti, pianisti e di utenti della tastiera in tutto il mondo va nei milioni e le ore, la gente sta spendendo con la tastiera sono innumerevoli, sia nel dialogo con se stesso o con gli altri. Musica accompagna in un proprio mondo e chi non ha mai sperimentato la felicità di sentire l'armonia che troppo facilmente va perduto nella vita quotidiana. Più peggiore la vita, tanto maggiore è la voglia di lei.

Tuttavia, ciò che è inerente dalla tradizione storica e dal simbolismo cristiano nella tastiera, di essa persino i produttori non ne hanno conoscenza. La materia non viene insegnata nelle scuole. Il discorso riguarda il riferimento simbolico cristiano e il contenuto etico dell'armonica occidentale.

Alcuni anni fa, una rappresentazione della Trinità su uno strumento di tastiera del tardo medioevo ha ha messo l'autore sulla via. La finale studia - fornito con una prefazione del Pontificio Istituto di Musica Sacra - è stato presentato à Benedetto XVI, che ha confermato subito che la musica occidentale ha "la sua posizione di origine nella liturgia" e personalmente e per lui eseguenderebbe anche una "prova della verità del cristianesimo". Questo è accaduto a Castel Gandolfo il 4 luglio 2015.

Rappresentanti di un'autonomia delle arti potrebbero avere problemi, ma perché? Sappiamo tutti il calendario che comincia con la nascita di Cristo e la divisione dei giorni feriali in analogia con la storia della creazione. Questo fa parte del nostro background storico ed della nostra identità. Perchè la musica non puo fare parte? Invece di partire a questo punto una digressione teorico-musicale, ricordiamo quelle immagini, che i teologi avevano in mente quando hanno a che fare con le tradizioni legate alla musica dei Greci. Pythagoras, in particolare, ci insegna che la conoscenza della struttura parziale di una stringa oscillante era conosciuta. La legge naturale, la simmetria della vibrazione della corda è senza influenza umana. È comunque interessante come i suoni siano state nominate e ordinate. A tal fine, la conoscenza delle seguenti passagi della Bibbia è di cruciale importanza. Prima di tutto:

Il sogno di Giacobbe

 Dal punto di vista di un fisico, non esistono toni "alti" e "bassi", soltanto più o meno veloci di vibrazioni. Il termine "scala" viene dall'analogia della Santa Scrittura, perché Giacobbe vide in un sogno davanti da lui una scala che spuntava nel cielo, e su questa scala vide gli angeli salire e scendere. Dopo Aurelius Augustinus ci sono i Sette Doni dello Spirito Santo con i quali l'uomo puo avvicinare a Dio, secondo i sette sillabe musicali Ut, Re, Mi, Fa, So, La, e Si.

Ma qui stiamo un po 'troppo rapido in progresso, perché nel testo originale ebraico, Isaia parla solo di sei doni dello Spirito Santo: il timore di Dio, la carità, il coraggio, la misericordia, amare dei nemici e la saggezza. Ma perchè troviamo due volte il "timore di Dio" nella scrittura ebraica è un traduzione "timore di Dio" è un altra "religiosità", e il numero di sei è salito a sette. Per quanto riguarda il tardo medioevo, troviamo riferimenti al numero 6 e anche riferimenti al numero 7 quando vengono menzionati i doni dello Spirito Santo.

Dalla vista musicale è importante perché Guido d'Arezzo (circa 992-1050) la sviluppato la scala hexatonica e il solfeggio era limitato al suo tempo à Ut, Re, Mi, Fa, So e La. Queste sono le sillabe iniziali dell'inno a Giovanni, alla quale la SI è stata piu tardo legata con riferimento à Sancte Ioannes:

 Ut queant laxis

Resonare fibris

Mira gestorum

Famuli tuorum

Solve pulluti

Labii reatum

Sancte Ioannes

Letteralmente: "Lasciate gli studenti laudare i tuoi miracoli con le corde vocale libere. Risolvi la colpa dei nostri labbri, San Giovanni. " Giovanni Battista era patrono della musica sacra davanti Santa Cecilia.

Il sermone della montagna

 Abbiamo già compreso il simbolismo dei tasti bianchi. Sia che usiamo lettere come A, B, C, D, E, F, G - o la numerazione latina dei intervalli: Prim, Secund, Terz, Quart, Quint, Sext, Septim e Octav. Abbiamo un sistema di ordine di fronte a noi, che ha solo un unico piccolo difetto: l'ottava si compone di cinque toni interi e due toni mezzi sebbene nell'interpretazione matematica sorgere 5 interi e due metà 6. Questo dimostra l'importanza dello numero 8 (lat. octav). E questo non si è cambiato in seguito, di quanto altri note aggiuntive dovevano essere inseriti. Il significato teologico del numero può essere risalito al Sermone della Montagna, che parla dell'otto beatitudine. Le scienze dell'arte sono in grado di presentare numerosi esempi visivi. Tra altri i capitelli dell'abbazia di Cluny dedicati alle 8 tonalità della chiesa.

Questi suoni che dovevano essere aggiunti in seguito sono le chiavi neri. Adesso si parla dalla cromatica (alt. Χρῶμα chrṓma, colore) perché i nuovi toni aggiunti sono stati considerati semplicemente come "scolorimenti" dei toni master esistenti. E improvvisamente diventa chiaro perché ci sia stato un "piccolo e grande secondo" (letteralmente un piccolo e grande due), altrettanto un "piccolo e grande terzo" (letteralmente un piccolo e grande tre) in modo che non cambia nulla concernente la relazione dell'ottava, le beatitudine e la consonanza. Da un punto di vista puramente acustico, sarebbe irrilevante, come si chiama l'intervallo "ottava". Secondo la costruzione parziale del suono di una corda, è nel rapporto di frequenza di 2:1 con il prim. La voglia di vederlo diviso in 8 parti è un'idea umana.

 L'Ultima Cena

Così ora abbiamo la tastiera completa di fronte a noi, così come lo conosciamo oggi, con 8 tasti bianchi e 5 tasti neri per ottava - un totale di 13 -, ma solo con 12 nomi di nota, perché la prima e l'ultima nota di ogni ottava portano lo stesso nome - secondo le parole del Messia: "Io sono l'alfa e l'omega, l'inizio e la fine". Cosi è venuto il "C" come Cristo nello zenit del circolo dei quinti.

A proposito, la corda di 13 nodi - una corda al cerchio con 12 nodi ad intervalli uniformi - era uno strumento indispensabile per la costruzione delle cattedrali. E il numero 13 meno uno si riferisce ai partecipanti all'ultima cena meno Giuda, il traditore. Pertanto i 13 sono ancora ritirati dalle tariffe delle camere d'albergo, per non ricordare gli ospiti al tradimento e le conseguenze crudele. Quindi venerdì, il 13 e stata uns disgrazia, perché la crocifissione si è svolta il Venerdì, che ricordiamo il Venerdì Santo. La combinazione del 13 e del Venerdì è stata associata a quasi doppia sfortuna nella fede popolare. 

Matematicamente, il 13 meno 1 porta alla 12 - corrispondente all' attrezzo costruttivo nella costruzione della cattedrale e corrispondente al quadrante dell'orologio, che indica le 12 ore del giorno e della notte. I 12 mesi dell'anno indicano la dimensione cosmica. L'immagine cattolica del mondo rende la corporate identity del produttore del mondo riconoscibile. E la musica - il cerchio dei quinti con 12 toni - non fa eccezione. È una circostanza molto adatta che la bandiera europea prende in considerazione questo simbolismo in cui le stelle rappresentano il cielo della notte e la colora blu il cielo del giorno.

Le recenti ricerche con laser in una cattedrale sorella di Montecassino hanno rivelato che il piano di base era basato sulla sequenza di Tetrardus plagalis, simbolo destinato alla celebrazione al lode di Dio. Come tutte le cattedrali, l'edificio è orientato verso il sorgere del sole, secondo le parole di Cristo: "Io sono la luce del mondo" Luce e suono sono stati quindi presi come esempi didattici per mostrare l'incomprensibilità dell'esistenza di Dio. La luce e il suono non possono essere toccati, ma esistono non di meno, cosi il pensiero.

La rivelazione di Giovanni

Le immagini contemporanee rivelano quali immagini si sono presentate per il cherchio delle quinte. Sono rappresentazioni giudiziarie mondiali che mostrano Cristo su un arcobaleno chiuso. Chiunque confessa alla croce sale, con il segno b si scende. La dissonanza - in una forma estrema quelle del tritono e della minora seconda - è stato chiamato Diabolus in Musica. Di conseguenza, il Libro della Rivelazione deve essere applicata alla comprensione, e si legge anche dal Gerusalemme celeste - quella città, con 12 torre. Adesso capiamo meglio gli iscrizioni sugli organi come MUSICA PRAELUDIUM VITAM AETERNAM o: MUSICA DONUM DEI.

Chi pensa tutto sarebbe già spiegato rischia di essere sbagliato, perché lo sviluppo non si è fermata e i musicisti hanno ancora richesti più toni all'interno di un'ottava. Da un lato, questo è già evidente dalla doppia denominazione dei tasti neri, per esempio do diesis / re bemolle, d'altra parte dagli fonti storici sappiamo che i musicisti hanno richiesto molto di più tasti per ottava.

Il fatto che la gente ha tenuto presso alla disposizione dei tasti, nonostante l'usabilità musicale limitato, prova l'esistenza di un'influenza extra-musicale. Segue una disputa scientifica di diverse centinaia di anni sul tema come accordare corettamente gli stumenti con tastiere.

Così abbiamo ricevuto il cosiddetto "wohltemperiertes Klavier" e il fondamento tonale per tutte le composizioni successive di Mozart, Schumann, Schubert, Beethoven, Brahms e altri. Nel Medioevo le gente avrebbe preferito intervalli puri. Per Lei un compromesso con la dissonanza sarebbe stato come un patto con il diavolo.

Al contrario non fa gioia di giocare un preludio di Chopin con un'umore storico. Il prime e l'ottava rimangono come intervalli consonanti e pura, le note tra di loro sono ugualmente divise. Da una nota all'altra veniamo con il fattore 12√2, e questo fattore non ha alcun riferimento alla Bibbia.

Il sistema audio occidentale aveva un limite geografico al Bosforo. Oggi anche i pianisti turchi, giapponesi e cinesi sono conosciuti e apprezzati. Non ci può essere più un paese nel mondo dove qualcuno sulla tastiera non cherca la felicità.

Il miracolo di Pentecoste

Da una prospettiva cristiana il miracolo di Pentecoste ha così avuto luogo davanti a tutti - ricordiamo all'invio dello Spirito Santo e il fatto che i 12 apostoli cominciarono a parlare in tutte le lingue. La musica è un linguaggio che sia comprensibile da tutte le persone, prende il suo simbolismo sul miracolo della Pentecoste e non ha nulla altro alla meta che l'armonia e la pace nel mondo.