Blog

22/07/2018

40 Sull'effetto del simbolismo cristiano nella musica occidentale

Il sistema tonale cristiano-diatonico differisce dalla vista acustica in nessun modo dalle tradizioni dei greci, che erano chiamati pagani, ma nella forma della sua interpretazione e denominazione. L'influenza di questo sulla percezione può essere illustrata con questo esempio: Che il suono intangibile in quanto tale provenga da Dio e crei una connessione con l'im, nel monoteismo si associa un apprezzamento non eccessivo. Il motto: MUSICA DONUM DEI può essere trovato su numerosi organi. Questa idea si concretizza nel cristianesimo per la connessione della prima (consonanza) con l'alfa-, e l'ottava (anche la consonanza) con l'omega e le 8 benedizioni del sermone sul monte. Nelle 7 tappe sulla via di Dio i 7 doni dello Spirito Santo sono quasi "riconoscibili". Ut, Re, Mi, Fa, So, La e Si, le sillabe iniziali dell'Inno Giovanni, riferiscono Giovanni Battista, annunciando la venuta di Cristo. Il materiale diatonica è completamente riempito con interpretazioni teologiche. Qualunque suono, sembra lo stesso di prima. Tuttavia, la predisposizione psichica dell'ascoltatore, che rappresenta un gran parte della qualità e dell'intensità dell'esperienza, è stata influenzata. Già il tono singolo è dotato di questo significato e può essere facilmente paragonato al tenero tocco di un angelo. Lo stesso tocco di una mosca domestica sarebbe percepito come un fastidioso disturbo. Già il paragone sembra essere ripugnante e blasfemo, ma questo cambia immediatamente quando riconosciamo nella mosca una parte della creazione. Anche lei deve essere stata vicina a Dio una volta. Almeno il omicidio è impedito per ora. Cosa una predisposizione può causare: da un lato la felicità inimmaginabile che rende impossibile abbracciare un angelo - Rainer Maria Rilke descritto questo impressionante nella sua prima elegia Duinesa - d'altra parte, lo sterminio spietato di parassiti. Le due approssimazioni erano soltanto un leggero tocco. Quindi dipende da come siamo toccati. Le composizioni contengono tensioni: dissonanze e consonanze, create da intervalli di più o di meno stretti. Nella vista psichica, la consonanza assicura il lieto fine della stragrande maggioranza delle narrative musicali, perché è l'epitome di calma, pace e armonia. Trovando altri riferimenti simbolici, c'è qualcosa da scoprire: ricchezza spirituale. È un valore aggiunto, soprattutto nel campo dell'arte sacra, anche dopo una lunga ricerca per poter indovinare qualcosa di nascosto nell'opera. La scoperta totale sembra sempre - come altrove - deludente, perché poi hai visto tutto e non ci sono più segreti. Così, la speranza di ulteriori tesori muore, cosa che può finalmente aspettarsi da un'entità competente per l'infinito. Il paradiso può essere sperimentato solo in piccoli dettagli, il nostro bisogno di arricchimento è in contrario insaziabile. La perfezione di una composizione sacrale è quindi nell'evocazione dei desideri e del loro non-adempimento. È più credibile essere stati vicini a Dio piuttosto che portargli a casa. C'è qualcos'altro rigando alla predisposizione: la sofferenza e l'esperienza della finitezza della propria esistenza. Quindi un brano musicale suona diverso, se è l'ultima volta, come se potesse essere percepito di nuovo in 3 decenni. L'esperienza ha la vita come prerequisito. Il forte showman si rivela come pura zavorra in quel momento. La compassione riconosce la verità anche nell'introverso, tollera gli errori e si riconosce in loro. Il dolore e la morte ti rendono improvvisamente grato per il poco che hai. Il più alto riconoscimento che può essere dato alla musica, quindi, è un'aumentata felicità e sofferenza, nonché con una percezione sensoriale differenziata e addestrata che non trascura il più piccolo - che deve essere portato con se prima che il pezzo musicale sia iniziato. Quindi la mente è stupita dal mistero della vita - e trova nel simbolismo un suggerimento stimolante e forse consolante.