Qualità dell'esperienza

Nel corso della ricerca sulla storia culturale degli strumenti a tastiera, è venuto alla luce il simbolismo cristiano del sistema tonale occidentale, che a sua volta fa parte della visione del mondo cattolica.

Il completamento di questa visione del mondo divenuta possibile in primo luogo ha un impatto diretto sulla qualità dell'esperienza, soprattutto negli edifici sacri cristiani, in cui la musica non può più essere percepita soltanto come una decorazione estranea al contenuto, ma come parte integrante dell'atto di culto e del processo liturgico. Ancora di più: la scala immateriale di Jacob verso la beatitudine dimostra illusionisticamente la realizzazione di un contenuto biblico concreto e indica una connessione tra beni culturali immaginari, immateriali e materiali. Elemento di raccordo è la teologia cattolica con i suoi numerosi riferimenti simbolici. Come dal pulpito, solo le cose che piacciono Dio dovrebbero essere udite dalla soppalco dell'organo - questa è l'idea. Ciò fornisce un quadro che i singoli contributi musicali riempiono di contenuto: inni, cantate e corali anche con i propri testi. (cfr. Blog 45: "Il credo di Johann Sebastian Bach in immagini e suoni." come: Blog 54: "Sequenza tonale pitagorica o mito originario della musica occidentale"? )

Nell'arte sacra occidentale, la teoria dell'armonia è applicata in modo olistico attraverso generi ed epoche, perché le arti, che, come i toni, non vogliono avere nulla a che fare l'una con l'altra, parlano lì la stessa lingua. Non è un caso - e l'influenza ecclesiastica punta molto nell'area profana. In entrambi i casi, esterni costruttori di ponti sono responsabili dell'interazione: nell'area acustica, ciò si riflette nella struttura dell'ordine creato delle interferenze, nell' accordazione. Nelle arti, soggetto, simbolismo ed estetica, composizione, forma, colore e prospettiva assicurano concordanza. Le intuizioni della musica si sono estese all'arte come se la visibilità fosse solo un'altra manifestazione dell'udibile. Anche questo non accade da solo.

Nel complesso, l'Occidente è dotato di beni culturali che sono direttamente correlati alla circumlocutio menzionata, al ragionamento circolare ideologico e, naturalmente, al credo sottostante. Confronta con il menu: "Ambiente ecclesiastico". I visitatori di altre culture riconoscono questa particolarità come tipica del continente.

L'organo - e qui torniamo per un attimo agli strumenti a tastiera - è quindi da considerare come un elemento di collegamento autonomo al divino, motivo per cui presenta spesso somiglianze progettuali con l'altare, come le ali d'organo dipinte. L'organo nella foto sotto mostra il sogno di Giacobbe di una scala verso il cielo, su cui gli angeli salivano e scendevano, nella sua area di base. Il motto sopra la tastiera recita: "Tutto ciò che respira loda il Signore, glorificalo e lodalo per sempre, Alleluia". Gli angeli che suonano musica sulle ali dell'organo indicano la connessione intellettuale tra la scala di Giacobbe e la scala tonale.

Organo, attribuito ad Adam Ernst Reichard (1670-1756), Händelhaus, Halle. Clicca sull'immagine per ingrandire.

Il legame tra musica e architettura sacrale si basa sullo stesso passo biblico, in quanto dice: "Jakob si svegliò dal sonno e disse: 'Infatti, il Signore è in questo luogo e io non lo sapevo!' Si spaventò e disse: "Com'è terribile questo luogo! Qui non c'è nient'altro che la casa di Dio; ed ecco la porta del cielo". "Genesi 28:16

Interpretando la scala tonale come scala di Giacobbe, la musica è diventata uno degli elementi in grado da guidare lo spazio sacro al suo scopo. Perciò la musica con tutti i suoi riferimenti dati dalla teologia dovrebbe essere in mente in questi spazi, come comunque la presenza spirituale di una visione del mondo sia necessaria per comprendere i beni culturali che ad essa devono la loro esistenza.

Cupola della cappella di Jean Forget nella cattedrale di Toul relativa alle 8 beatitudini, alle 8 sfere celesti e all'ottava - l'epitome della consonanza e della pace acustica (cfr. Video VII: "Come l'ottava ha preso il nome") - anche con reminiscenze al Pantheon di Roma. Questo edificio antico in particolare ha anticipato lo centraggio architettonico della luce. Non sorprende quindi che i cristiani l'abbiano convertita in chiesa senza ulteriori indugi.

Cupola del Pantheon, Roma

Allo stesso modo, l'antica teoria dell'armonia è stata reinterpretata e messa al servizio della chiesa.

Solo un approccio polidisciplinare può rendere giustizia a opere d'arte così complete attraverso le sue conclusioni analitiche. In questo modo, il forte effetto delle impressioni sensoriali calcolate sinergicamente trova una spiegazione causale.

L'approccio razionale rivela che soprattutto nella teoria cristiana dell'armonia - molto diversa dal modello greco - venivano accettate costruzioni matematicamente da far rizzare i capelli per poter mostrare l'identità corporativa del produttore mondiale anche nel campo musicale. Nel regno emotivo, proprio questi processi sono responsabili di una qualità unica dell'esperienza, perché evocano l'idea che tutte le manifestazioni debbano effettivamente la loro esistenza a uno stesso creatore. In questo modo l'arte sacra occidentale predispone e ci rende ricettivi alle credenze monoteistiche. La psiche dei credenti riconosce in lei una casa spirituale, sostenuta da Gv 14,2 "Nella casa del Padre mio ci sono molte dimore".

Le culture nascono dal bisogno umano di una casa spirituale.

© Aurelio Belz 2022