La cultura parla da sé:

Ragione attuale di questo articolo sono le dichiarazioni di Vladimir Putin sul presunto trattamento vergognoso della cultura russa in Occidente. In particolare, il nome menzionato Sergej Rachmaninoff ricorda all'elaborata conservazione del pianoforte a coda da concerto nella sua residenza estiva "Senar" a Hertenstein sul Lago di Lucerna, affidato all'autore alcuni anni fa. Era particolarmente importante mantenere inalterate per i posteri le speciali richieste del compositore - come l'avvolgamento delle cordi del basso in ferro anziché in rame e l'eccezionale aumento del pressione dei tasti.

Il Steinway-pianoforte a coda di Sergei Rachmaninov nella sua villa "Senar"

Nell'accordatura temperata del pianoforte a coda, due sistemi alieni di ordine si confrontano, che possono essere caratterizzati come matematicamente razionali e matematicamente irrazionali. La serie dei toni naturali di ogni singola corda è basata su multipli interi della frequenza fondamentale, mentre gli intervalli di semitoni, a partire dall'altezza del concerto a', sono basati sul fattore 12√2. L'unica cosa che li accomuna è la cosiddetta ottava con rapporto di frequenza di 2/1, che i greci chiamavano armonia.

Durante l'accordazione, l'intenzione è di posizionare entrambi i sistemi fianco a fianco intatti. Le differenze - le fluttuazioni di volume risultanti - vengono utilizzate per misurare i toni e forniscono il contenuto emotivo nella presentazione. Il pianoforte si distingue così chiaramente dall'accordatura orchestrale, che presenta un proprio mondo con caratteristiche chiave diverse che un pianoforte a coda non è in grado di riprodurre. Sebbene ci siano un certo numero di tasti con doppio nome (Do diesis/RE bemolle, RE diesis/MI bemolle, FA diesis/ SOL bemolle, SOL diesis/LA bemolle, LA diesis/SI bemolle), non si sente nessuno dei toni menzionati. Questo è un promemoria del sistema di ordinamento dell'accordatura dell'orchestra, che consente almeno di seguire mentalmente. Anche gli altri intervalli, ad eccezione dell'ottava, non corrispondono esattamente. Pertanto, l'attrito e le distorsioni con l'orchestra sono letteralmente inevitabili. Finora, il ruolo svolto dal simbolismo cristiano in tutto questo è passato del tutto inosservato. (Vedi Video VII: Come l'ottava ha preso il suo nome.)

Di seguito è riportato il collegamento al Concerto per pianoforte n. 2, do minore, op. 18, eseguita dalla pianista di Kiev Anna Fedorova nella sala principale del Concertgebouw Amsterdam il 1 settembre 2013. Martin Panteleev ha diretto la Filarmonica della Germania nordoccidentale.

Nei primi accordi, i battiti sono aumentati fino a diventare un potente rombo in fortissimo, fino a quando sembra che si stia preparando un intero temporale con l'ingresso dell'orchestra. L'onomatopea non corrisponde alle intenzioni di Rachmaninov, ma le analogie possono essere richiamate anche alla pioggia battente. Oltre ai toni che formano le armonie, i battiti (ingl. beats) di accompagnamento forniscono la vibrazione prevista e, in seguito, dove sono assenti, il rilassamento e l'opportunità di respirare liberamente - punti luminosi, per così dire. La musica dà il buon esempio quando si tratta dell'apprezzamento speciale del diverso. Il mondo emotivo non può essere impressionato dalla monotonia. Il pianoforte a coda di Sergej Rachmaninov mostra l'intenzione di portare i contrasti all'estremo.

Clicca sull' immagine per riproduzione

Qualunque stia succedendo in Ucraina in questo momento:

Il comportamento di una minoranza ossessionata dal potere non deve intaccare la stima di una nazione.

© Aurelius Belz 2022